Una storia dolce a Gourmandises, paese delizioso e romantico

Una storia dolce a Gourmandises, paese delizioso e romantico
Primo Capitolo di Un posto che mi piace

C’era una volta un piccolo paese situato nella Francia del Nord, precisamente in Bretagna. Era un paese di piccoli lavoratori instancabili. Il nome del paese era stato dato dal capo villaggio, il signor Trott, il primo ad insediarsi in quel piccolo angolo di paradiso.
Aveva deciso di chiamare il paese Gourmandises, per via della crescita spontanea di ogni genere di deliziosa e dolcissima frutta, e tutti vi vivevano in pace ed armonia.
Le strade erano di pietra e le casette erano piccole e bianche, immerse nella natura.

Nel centro del villaggio vi erano piccole botteghe artigiane. Fra tutte, la più amata era una minuscola pasticceria che la signora Patty Pouf aveva tirato su dal nulla. Un giorno passeggiando per le vie di Gourmandises si era innamorata di quel fondo sfitto e aveva deciso di prenderlo per poter far assaggiare tutto quel che sapeva fare in cucina agli abitanti del paese.
Aveva comperato qualche banco e tavolo vecchio dal signor Gustav, rigattiere burbero ma ben fornito, aveva racimolato pentole e vecchi serviti di famiglia ed aveva iniziato subito a lavorare.

Ben presto tutti gli abitanti di Gourmandises erano accorsi ad assaggiare i suoi rinomati biscotti al burro e le sue torte di fragole e se ne erano innamorati.

La pasticceria era bene avviata e lavorava a pieno ritmo. Il profumino di vaniglia e cannella ogni giorno invadeva le piccole strade del paese, e i contadini erano soliti portare ogni mattina frutta fresca per le dolci ricette della Signora Patty Pouf.
Lei offriva loro un pasticcino ed un sorriso, e loro scaricavano puntuali le cassettine nel retro bottega.

Un giorno Camille, la figlia del capo villaggio entrò in pasticceria per ordinare prelibatezze per la sua festa di compleanno che si sarebbe tenuta nel fine settimana.
La signora Patty Pouf era impegnata a preparare le colazioni ma quando vide Camille prese un tè, un biscotto al cioccolato e le offrì uno spuntino di benvenuto.

Camille ordinò dolci e delizie di ogni genere.
Per fortuna la signora Patty Pouf aveva un instancabile aiutante, la topina Remie, per cui era sicura che insieme ce l’avrebbero fatta.

Tutti i 99 abitati di Gourmandises erano stati invitati alla festa.
“Tutti insieme festeggiamo, tutti insieme ne godiamo”, le aveva sempre insegnato il babbo, il saggio signor Trott.

La settimana trascorse tranquilla. Remie aveva fatto un piano di lavoro ed ordinato tutti gli ingredienti per preparare le varie ricette.
Camille era stata chiara, “Dolci e torte in quantità, e mi raccomando, abbondate con le Cupcakes, perché le Cupcakes non sono mai abbastanza”.
Così Remie aveva ordinato uova fresche di gallina e farina di prima qualità.

“La base delle cupcakes si prepara così…”, Remie ripassava mentalmente la ricetta per una dozzina di dolcetti, sapendo che poi avrebbe moltiplicato le dosi per la festa:
2 uova, 100 g di burro, 110 g di zucchero, 140 g di farina, 30 ml di latte, 2 cucchiaini di lievito e 1 cucchiaino di essenza di vaniglia. Si mischiano gli ingredienti morbidi in una ciotola, quelli secchi in un’altra ciotola. Poi si uniscono i composti e una volta riempiti i pirottini, si inforna a 180° per una ventina di minuti”.

Il venerdi arrivò in un attimo, ma quando Remie aprì la dispensa per iniziare il lavoro, sgomento si accorse che…

Cosa accadde lo scoprirete nel prossimo capitolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Carrello